CANE CHIUSO IN AUTO SALVATO DAI PASSANTI

Un cane chiuso in auto per due ore e in via Cavour, a Palermo, è scoppiato il panico. Una folla di un centinaio di persone ha accerchiato l´auto posteggiata in doppia fila. All´interno un esemplare di maremmano con la bava alla bocca e ansimante. Fino a quando un passante si è procurato un bastone e ha sfondato un finestrino per far respirare il cane. Al loro ritorno all´auto i due padroni sono stati denunciati per maltrattamento di animali.
Il capannello di curiosi si era formato minuto dopo minuto intorno alle 17. Il fuoristrada era stato posteggiato di fronte alla Banca d´Italia da una coppia di austriaci in vacanza in città. I due erano andati a visitare il teatro dei pupi di Cuticchio. Si sono attardati e non si sono resi conto di aver messo in pericolo la vita del maremmano.
Quando, candidamente, i due sono ritornati da via Bara all´Olivella, la folla li ha assaliti con frasi poco gentili.
«Sono dei potenziali assassini – ha detto una donna – Perché non hanno lasciato almeno uno spiraglio aperto per quella povera bestiola?».
Il cane è stato rifocillato con acqua da un bar della zona. Per i due sbadati padroni, invece, sono arrivate le grane con la polizia e la polizia municipale. I motociclisti della polizia hanno denunciato i due austriaci per maltrattamento di animali. La polizia municipale, invece, ha consegnato ai due viaggiatori una multa per avere posteggiato l´auto in doppia fila: trentotto euro, compresi gli insulti della folla.

fonte:La Repubblica Palermo Img1-48312.jpg

CANE CHIUSO IN AUTO SALVATO DAI PASSANTIultima modifica: 2010-10-12T03:11:42+00:00da ramboo84
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “CANE CHIUSO IN AUTO SALVATO DAI PASSANTI

  1. sono felicissima per il cane,povero tesoro,tutto giustissimo sia il vetro rotto che gli insulti,la denuncia e la sanzione…Certo che se non ci fossero stati divieti,il cane avrebbe potuto accompagnare la sua famiglia ‘umana’…in Italia siamo forse l’unico Paese dove ancora sopravvivono divieti privi di ogni logica

Lascia un commento